TiburtinoToday

Sacchetti trasparenti per i rifiuti, Settecamini insorge all'ordinanza: "Rispettate la privacy"

Il comitato ha avviato una petizione per chiedere il rispetto della privacy dei cittadini

Sacchetti trasparenti in vendita al supermercato (Immagine di archivio)

Virginia Raggi, Comune di Roma e il Garante per la privacy. Sono loro i tre destinatari della raccolta firme che il comitato di quartiere Settecamini e dintorni ha avviato per tutelare la privacy dei cittadini chiedendo l’annullamento dell’ordinanza sindacale n.53 del 5 agosto scorso. 

L’ordinanza sindacale: i rifiuti solo nei sacchetti di plastica trasparenti

È il 5 agosto scorso quando la sindaca di Roma Virginia Raggi emette una nuova ordinanza: oltre ai divieti diretti ai “pendolari dei rifiuti”, la prima cittadina ordina che nei cassonetti devono essere conferiti solo sacchetti trasparenti. Una direttiva che non ha lasciato indifferenza ma che ha riscosso non poche polemiche. Intanto, un pronunciamento del Garante per la privacy del luglio 2005 renderebbe impugnabili e potrebbero essere non valide le multe comminate ai trasgressori dell’ordinanza sindacale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Settecamini: il comitato di quartiere sul piede di guerra

“La sindaca ha divulgato in sordina questa ordinanza ma non rispetta assolutamente la privacy dei cittadini” ha tuonato Michela Esposito, presidente del comitato che citando il pronunciamento del Garante per la privacy annuncia battaglia. E il primo passo è la petizione avviata nei giorni scorsi sulla piattaforma change.org. “Se il municipio non ci tutela ci penso io a difendere i nostri diritti – ha aggiunto Esposito – Basti pensare che in una città come Roma i vigili devono essere impiegati a sorvegliare i cassonetti, è assurdo. Le modalità per rispettare la privacy dei cittadini ci sono e devono essere attuate”.  
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio di luglio: i quartieri dove ci sono stati più casi

  • Gita fuori porta: cinque luoghi da non perdere a due passi da Roma

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: quattro arrivano da altre regioni. I dati Asl del 31 luglio

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 30 luglio

  • Coronavirus, 9 nuovi casi a Roma. Tutti i dati dalle Asl del primo agosto

  • Meteo Roma e Lazio, allerta maltempo da oggi e per le prossime 24 ore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento