TiburtinoToday

Al parco d’Aguzzano lo sfalcio è dei cittadini: “Istituzioni assenti”

Gli attivisti del Forum per la tutela del parco di Aguzzano hanno sfalciato l'erba alta oltre un metro per scongiurare il pericolo degli incendi e svegliare l'amministrazione

Forum tutela parco di Aguzzano

Erba alta oltre un metro e secca: benvenuti al parco di Aguzzano dove negli anni passati gli interventi di sfalcio sono stati svolti parzialmente da Comune, Municipio o associazioni per scongiurare gli incendi che hanno spesso interessato l’area. “Quest'anno la situazione è sicuramente molto più grave: fino ad ora nulla – hanno spiegato dal Forum per la Tutela del Parco di Aguzzano - Vogliamo sottolineare il grave ritardo con cui il Municipio ha presentato il bando per lo sfalcio, pubblicato solo il 14 maggio 2020, con la conseguenza della totale assenza di domande di partecipazione entro i termini stabiliti. La gara è quindi andata deserta e ci chiediamo con preoccupazione se questa mancata assegnazione si tradurrà in una mancata manutenzione del parco per tutta l'estate”. 

Nei giorni scorsi, gli attivisti del Forum per la Tutela del Parco di Aguzzano hanno realizzato un intervento dimostrativo si sfalcio dell’erba individuando una zona di rimboschimento nelle vicinanze del carcere verso via Casale di san Basilio “come una delle zone a maggiore rischio, non solo per il tipo di vegetazione e per l'altezza attuale dell'erba, ma soprattutto a protezione dei tigli, degli ornielli e dei lecci che sono stati impiantati da alcuni anni e che rischiano di prendere fuoco se si dovesse sviluppare nell'estate un incendio. Ma le zone a rischio sono tante, alcune anche in prossimità delle case” hanno aggiunto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli attivi hanno lanciato un appello affinché si intervenga immediatamente per scongiurare qualsiasi tipo di pericolo: “Sono i cittadini a prendersi cura dell’area, nè l'ente regionale Roma Natura né il Municipio né il Comune si occupano di questi 57 ettari di agro romano; è stato ancora l'intervento attivo dei cittadini ad impedire la realizzazione di diversi progetti che lo avrebbero snaturato”. Infine: “Aguzzano, come le altre aree verdi della città, appartengono a noi tutti, sono il risultato delle lotte condotte in tanti territori di Roma dagli abitanti, e siamo pronti a mobilitarci per difenderle” hanno concluso dal Forum. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio di luglio: i quartieri dove ci sono stati più casi

  • Gita fuori porta: cinque luoghi da non perdere a due passi da Roma

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: quattro arrivano da altre regioni. I dati Asl del 31 luglio

  • Prova a scavalcare ma rimane infilzato: muore per infezione in ospedale. I genitori denunciano i medici

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 30 luglio

  • Coronavirus, 9 nuovi casi a Roma. Tutti i dati dalle Asl del primo agosto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento