TiburtinoToday

Il Municipio IV dichiara guerra all'abusivismo commerciale: solo un'attività in regola su 20

Il totale delle sanzioni ammonta a € 1.600.000,00

Immagine di archivio

Un’attività in regola su 20. È questo il bilancio dei primi controlli messi in campo dal Municipio Roma IV per contrastare il fenomeno dell’abusivismo commerciale. “Un percorso di verifica che ha già portato diversi risultati sia in termini di recupero crediti che nel ripristino della legalità” ha commentato la minisindaca Roberta Della Casa.

Il Municipio ha siglato un accordo con la società Aequa Roma per estendere l’attività di controllo direttamente sul territorio e garantire il rispetto delle norme, anche e soprattutto, a tutela delle imprese virtuose: “I risultati ottenuti sono sconcertanti! I primi 20 controlli effettuati hanno evidenziato una sola attività in regola da tutti i punti di vista e 19 “furbetti” che hanno accumulato € 1.600.000,00 di sanzioni tra tasse commerciali, pubblicitarie e tari, di queste sanzioni circa 1 milione di euro riguarda proprio l’elusione della tassa sui rifiuti” ha spiegato ancora Della Casa.  

E in riferimento ai tanti quartieri del Municipio IV, con strade sommerse dai rifiuti: da Pietralata a Colli Aniene, la presidente del parlamentino di via Tiburtina ha voluto precisare: “Vorrei dire a tutti i cittadini che quando in strada osservano il disastro rifiuti è anche a causa di queste persone che pensano di poter gravare sulle spalle della collettività senza un prezzo che si osservi in termini di decoro – e ha assicurato – non ci fermeremo, tutti dobbiamo rispettare le regole”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, una bordata alle amministrazioni precedenti: “Per troppi anni l’amministrazione ha girato il capo dall’altra parte contribuendo a creare il debito della città e quindi la carenza di servizi per i cittadini e noi diciamo basta!”. Sugli obiettivi Della Casa ha concluso: “Vogliamo portare servizi efficienti, educare la cittadinanza al rispetto del bene comune, vogliamo lavorare per il decoro della città spazzando via il malaffare; senza questi passaggi è impossibile pensare ad una crescita dei nostri quartieri. Siamo al fianco delle imprese sane e combatteremo senza sosta l’illegalità”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio di luglio: i quartieri dove ci sono stati più casi

  • Gita fuori porta: cinque luoghi da non perdere a due passi da Roma

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: quattro arrivano da altre regioni. I dati Asl del 31 luglio

  • Prova a scavalcare ma rimane infilzato: muore per infezione in ospedale. I genitori denunciano i medici

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 30 luglio

  • Coronavirus, 9 nuovi casi a Roma. Tutti i dati dalle Asl del primo agosto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento