TiburtinoToday

Roma Lercia, periferie in rivolta: anche Casal Bruciato si ribella alla Raggi, rifiuti in strada

Manifestazioni di protesta in molti quartieri della città, tra rifiuti in strada e cassonetti incendiati

Foto di Elena Pinsone

Roma è lercia: da un estremo all’altro della Capitale il mancato ritiro dei rifiuti da giorni ormai sta mettendo in ginocchio i residenti. Sono tanti i cittadini che in queste ore devono fare i conti con la spazzatura sotto casa e con odori nauseabondi che provengono dai cassonetti. Tante le proteste che stanno nascendo nei quartieri di Roma, da nord a sud fino alla periferia est della città. Molti anche i casi eclatanti come il “tappeto di vermi” fotografato nella postazione dei cassonetti al VI Municipio (qui la notizia) o i contenitori per la raccolta rifiuti incendiati, in via Galla Placidia (IV municipio) come a Tor Bella Monaca (VI Municipio). Non mancano le contestazioni alla sindaca Virginia Raggi, ne è un esempio la recente manifestazione su via Cassia (25 giugno ndr): “Raggi vince le Olimpiadi della monnezza”. A Tor Sapienza l'esasperazione ha portato i cittadini a posizionare i cassonetti a centro strada.

Nella giornata di lunedì la prima cittadina, in un vertice con il nuovo presidente dell’azienda Ama e con i sindacati ha ordinato un piano di pulizia straordinaria

Ma non basta, la rabbia è tanta e continua a sfociare in protesta

Nella mattina di, oggi, giovedì alcuni residenti di via Diego Angeli a Casal Bruciato hanno posizionato in strada i rifiuti per protestare contro il mancato ritiro. Ad aggravare la situazione già drammatica anche la chiusura parziale della strada (dall'altezza di via Donati a via Tiburtina) da giovedì scorso a causa di avvallamenti sul manto stradale che hanno richiesto indagini più approfondite. Con la chiusura della strada è stato impossibile per Ama passare con i camioncini per il ritiro: “Siamo esasperati, dobbiamo convivere con questi odori nauseabondi con rifiuti dentro e fuori i cassonetti, per conferire le buste della spazzatura camminiamo anche sui rifiuti e non sappiamo cosa potrebbe esserci sotto – hanno spiegato alcuni residenti della via al nostro giornale al margine della protesta – non ne possiamo più”.

A sposare la protesta, seppur di breve durata, è Massimiliano Umberti, capogruppo dem: “I residenti sono stufi, la situazione sta diventando insostenibile non solo in periferia ma in tutta la città e sono questi gli strumenti che i cittadini mettono in campo per farsi ascoltare, quest’amministrazione deve andare a casa”. 

Dal Municipio: “Sarà tutto risolto nelle prossime ore”

“Il rallentamento del ritiro è dovuto ad altre questioni e non riguarda solo Casal Bruciato ma tutta Roma – ha detto Roberta Della Casa, presidente del IV Municipio – Nella giornata di ieri abbiamo segnalato ad Ama la criticità con la richiesta di una pulizia più approfondite e oggi avremo i risultati delle indagini condotte per la presenza dell’avvallamento”. Sulle sorti della via non dovrebbero esserci ulteriori problemi come avvenuto fino ad ora perché: “Sembra che non ci siano cause eclatanti in quel tratto di strada e immagino che la strada sarà riaperta nelle prossime ore”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inkedvia-diego-angeli-01_LI-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio di luglio: i quartieri dove ci sono stati più casi

  • Gita fuori porta: cinque luoghi da non perdere a due passi da Roma

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: quattro arrivano da altre regioni. I dati Asl del 31 luglio

  • Prova a scavalcare ma rimane infilzato: muore per infezione in ospedale. I genitori denunciano i medici

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 30 luglio

  • Coronavirus, 9 nuovi casi a Roma. Tutti i dati dalle Asl del primo agosto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento