TiburtinoToday

Casal Bruciato perde un pezzo della sua storia: chiude la Polisportiva Carlo Levi dopo cinquant’anni 

La palestra è un punto di riferimento per l'intero quartiere dal 1971 dov'è cresciuta più di una generazione

Palestra via Diego Angeli - Foto d'archivio

Quando nel 1971 Marcello e i suoi amici decisero di sottrarre al degrado uno dei tanti garage abbandonati sotto i palazzi popolari di via Diego Angeli a Casal Bruciato mai avrebbero pensato che quell’avventura sarebbe durata cinquant’anni. E forse ancora meno avrebbero creduto che qualcuno, qualcosa, a un certo punto infrangesse non solo i loro sogni ma anche quelli di intere generazioni che sul ring della Polisportiva Carlo Levi hanno indossato i guantoni per la prima volta, si sono sfidati asciugandosi gocce di sudore e incassando colpi senza smettere mai di crescere. (LA STORIA)

La Polisportiva Carlo Levi chiude a dicembre

Eppure, il giorno in cui Marcello abbasserà la serranda per l’ultima volta, si avvicina. A dicembre la Polisportiva di via Diego Angeli che in questi cinquant’anni è stato un luogo di aggregazione, di crescita, uno spazio per fare sport in un quartiere che non ha praticamente null’altro, chiuderà battenti. “Mio padre non ha voluto vendere nulla di quello che c’è attualmente nei locali, sarà tutto come è stato in questi anni fino all’ultimo giorno di apertura, in cuor suo spera che qualcosa possa cambiare ma lo fa soprattutto per tutti i ragazzini del quartiere che ancora frequentano la palestra”. A parlare è Romina Stella, figlia di Marcello, che nella palestra di via Diego Angeli è nata e cresciuta: in questi anni di lotta non si è mai arresa, ha bussato alle porte del municipio, del comune e di tutti quelli che “In palestra sono venuti a fare le campagne elettorali” dice amareggiata al nostro giornale Romina mentre sta trasferendo la Polisportiva di Casalbruciato 2.0 in via degli Alberini, a Ponte Mammolo per avviare una nuova avventura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La famiglia Stella: “Non c’è nessuno sfratto”

A poco meno di due mesi dalla chiusura della palestra di Casal Bruciato, Romina Stella ha voluto sottolineare: “Non ci è stato dato nessuno sfratto, non c’è il rinnovo del contratto dal 2013. Abbiamo provato in tutti i modi ma nulla da fare perché per i locali sono inagibili e la struttura è fatiscente”. L’Asl dopo l’avviso del mese di giugno ha dato una proroga alla Polisportiva fino a dicembre dopodiché la struttura dovrà chiudere. E a perdere non sarà solo Marcello, uno dei quattro amici che negli anni ’70 ha creduto in un sogno, ma tutti gli abitanti del quartiere perderanno qualcosa. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio di luglio: i quartieri dove ci sono stati più casi

  • Gita fuori porta: cinque luoghi da non perdere a due passi da Roma

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: quattro arrivano da altre regioni. I dati Asl del 31 luglio

  • Prova a scavalcare ma rimane infilzato: muore per infezione in ospedale. I genitori denunciano i medici

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 30 luglio

  • Coronavirus, 9 nuovi casi a Roma. Tutti i dati dalle Asl del primo agosto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento