TiburtinoToday

Perde la fede nuziale dopo 42 anni, l'appello: "Aiutatemi a ritrovare l'anello della mia defunta moglie"

L'uomo abita in viale Bertolucci, a Settecamini e la figlia Anna lancia un appello dalle pagine del nostro giornale

Seby e Giusy (questi i loro diminutivi) sono stati spostati per 42 anni ma stavano insieme da molto prima che si dicessero il fatidico “sì”. Mezzo secolo trascorso mano nella mano, fino all’ultimo respiro, fino a quando Giuseppa (Giusy) si è ammalata e lui, l’uomo che da sempre le è stato affianco ha continuato a sorriderle nella stanza di un hospice. Giusy è morta lo scorso marzo e Seby per tenerla sempre legata a sé ha preso il suo anello, ha comprato una catenina e l’ha appeso al collo. Un modo simbolico per ricordarla e per continuare a rimanere inseparabili. Purtroppo nelle scorse sere, mentre arrotolava la tenda al balcone, la collanina gli si è strappata e l’anello è volato giù: da quel momento non l’ha più trovato nonostante si sia messo subito alla ricerca insieme alla figlia Anna. 

Sebastiano: "Chi l’avesse trovata farà cosa giusta nel restituirla"

Sebastiano non può rinunciare al ricordo di Giusy e così decide di lanciare un appello affinché qualcuno possa aiutarlo nelle ricerche. Prende un foglio di carta bianco e due pennarelli, uno rosso e uno nero e inizia a scrivere. Spiega la dinamica e poi precisa: “Chi l’avesse trovata farà cosa giusta nel restituirla al sottoscritto che gli sarà immensamente grato. La fede è riconoscibile perché all’interno della stessa porta inciso Seby e Giusy 15/01/1977”. Il cartello è stato affisso al portone di casa in viale Attilio Bertolucci, a Settecamini. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Immediata la gara di solidarietà

Immediata la gara di solidarietà. Un’inquilina ha scattato una foto e l’ha postata sui social partendo dai gruppi del quartiere. “Il mio papà si è commosso quando ha saputo dell’affetto che si stava generando intorno a lui e avrebbe voluto iscriversi a facebook per leggere tutti i messaggi” ci ha raccontato Anna. Già, tutti a modo loro tentano un aiuto. Il comitato di quartiere si è già detto disponibile ad acquistare una medaglietta con l’incisione da donare a Sebastiano. “Ci appelliamo a chiunque possa darci informazioni” ha spiegato ancora Anna perché papà Sebastiano è ancora molto provato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Coronavirus Roma, positivi al test sierologico dipendenti del Comune: martedì sanificazione degli uffici

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma città tre nuovi casi: trend in calo per i pazienti in terapia intensiva

Torna su
RomaToday è in caricamento