TiburtinoToday

La linea B a Casal Monastero ad un punto morto: i comitati al ministero

Il comitato di quartiere, insieme al presidente del Municipio IV, ha partecipato all'incontro presso il Ministero dei Trasporti in cui si è discusso del prolungamento della linea B

Ancora ad un punto fermo i lavori per il prolungamento della linea b della metropolitana da Rebibbia a Casal Monastero. Nella mattina di mercoledì, una rappresentanza del comitato di quartiere di Casal Monastero, appunto, insieme al presidente del Municipio Roma VI, ha partecipato ad un incontro che si è svolto al Ministero dei Trasporti per conoscere lo stato della situazione attuale. Presente all'incontro anche Michele Civita, assessore ai trasporti della Regione Lazio, Paolo Omodeo Salè, presidente di Roma Metropolitane e alcuni tecnici del Ministero. 

IL COMITATO DI QUARTIERE - "E' stato un incontro interlocutorio - spiega Alessandro Zaghini, presidente del comitato di quartiere di Casal Monastero - non abbiamo avuto una risposta definitiva, sappiamo, quindi, che il problema maggiore è rappresentato dalle aree non più disponibili". Su quanto avvenuto all'incontro, continua: "Ci hanno assicurato che la ditta Salini è ancora intenzionata a realizzare l'opera, pertanto - prosegue - è necessario trovare un punto di incontro che sblocchi la situazione". Conclude: "Auspichiamo che il commissario Tronca metta un punto fermo a questa situazione così che i suoi successori possano dare l'ok al procedere dei lavori". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

PRESIDENTE MUNICIPIO IV - "La cosa importante- ha dichiarato Emiliano Sciascia, presidente del Municipio Roma IV a margine dell'incontro - è che si sia rimessa in moto la macchina". Poi aggiunge: "C'e' la volontà politica di realizzare l'opera e l'incontro è stato utile, anche se non c'èancora una soluzione al problema". Tuttavia, commenta: "C'è stata però la disponibilità del Ministero e della Regione a capire come intervenire rispetto al problema della definizione finanziaria dell'opera, in particolare per la questione delle compensazioni che dovrà chiarire il Comune". Infine, precisa: "Non c'è più la disponibilità di alcune aree previste nel vecchio bando per cui il Comune dovrà aprire un confronto con il concessionario".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Sciopero a Roma: venerdì 10 luglio a rischio metro e bus, gli orari e le fasce di garanzie

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Coronavirus: a Roma 14 nuovi casi, 19 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento