TiburtinoToday

Omicidio San Basilio: interrogati i due, uno era creditore di 5000euro

Il movente dell'omicidio è un debito di 5.000 euro che la vittima, un venditore di caldaie e condizionatori, doveva riscuotere probabilmente dal suo assassino, per una fornitura di prodotti

Sono finora due le persone sospettate per essere coinvolte nell'omicidio di un uomo di 47 anni a Roma colpito in strada con una spranga durante una lite per debiti di denaro non pagati. Due romani sono stati fermati dai carabinieri la scorsa notte e portati in caserma per essere ascoltati, ma nei loro confronti non è stata emessa alcuna misura cautelare.

Gli investigatori stanno lavorando per raccogliere ulteriori elementi e fare piena luce sulle responsabilità di varie persone in questa vicenda. Il movente dell'omicidio è un debito di 5.000 euro che la vittima, un venditore di caldaie e condizionatori, doveva riscuotere probabilmente dal suo assassino, per una fornitura di prodotti. Un contenzioso che andava avanti da diversi anni. E l'altro è finito nel sangue.

Tutto è avvenuto sotto gli occhi del figlio della vittima, 19 anni, che ha assistito al delitto. Inizialmente la dinamica faceva ipotizzare una lite per viabilità poi è stata raccontata la verità. Il padre, 47 anni, già noto alle forze dell'ordine, avrebbe atteso il debitore sotto casa. Gli avrebbe ricordato la somma da restituire e ne sarebbe nata una lite. Parole grosse ma niente più. Il creditore è fuggito salendo in auto. Ma l'uomo e il figlio lo hanno inseguito fino all'incrocio tra via Casale di San Basilio e via Recanati. Hanno affiancato l'auto del debitore intimandogli di fermarsi. Sono volate parole grosse. Poi lo hanno speronato. L'uomo è sceso dall'auto e la lite è degenerata in una colluttazione. E' anche intervenuto il figlio della vittima di 19 anni. A quel punto il creditore ha preso una spranga e ha sferrato un colpo violento in testa al debitore.

Una morte violenta che arriva dopo altri due efferati fatti di sangue avvenuti nell'arco di 12 ore nella capitale: l'omicidio di un anziano ebreo accoltellato nell' androne del palazzo dove abitava e l'uccisone di un'anziana per mano del giovane nipote. Ora l'assassino è ricercato; dopo avere colpito l'uomo infatti è fuggito a bordo di un'auto nera. Ma la sua fuga avrebbe le ore contate. La lite è scoppiata attorno alle 18 alla periferia di Roma, all'incrocio tra via Casale di San Basilio e via Recanati. Sull'asfalto ci sono ancora i segni dell'urto tra le auto, quando la vittima ha speronato la vettura del suo assassino per fermarlo: vetri infranti e segni di frenata. (Fonte Ansa)
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Thomas Adami e Matteo Calabria, i due giovani calciatori morti su via Tiburtina: Tivoli e Guidonia sotto shock

  • Bollo auto, sconti e nuova modalità di pagamento: cosa cambia nel 2020

  • Omicidio al Nuovo Salario: 43enne ucciso in strada a colpi di pistola

  • Incidente sul Raccordo Anulare: si scontrano moto e camion, morto 64enne

  • Smog: blocco del traffico a Roma, stop tre giorni ai veicoli più inquinanti nella Fascia Verde

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 25 e domenica 26 gennaio

Torna su
RomaToday è in caricamento