TiburtinoToday

Sul muro di Casal de’ Pazzi il murale di Jerico "Riflessi"

All'evento anche la sindaca Virginia Raggi. L'artista ha spiegato: "Di quest'opera mi è caro lo scorrere del tempo"

Foto FB Museo di Casal de' Pazzi

Taglio del nastro per il murale realizzato da Jerico sulle mura perimetrali del Museo di Casal de’ Pazzi, famoso per contenere i resti e le zanne di un elefante antico di 250.000 anni fa. All’inaugurazione dell’intervento di street art anche la sindaca Virginia Raggi. La realizzazione dell’opera rientra nei progetti di valorizzazione del patrimonio museale, archeologico e storico-artistico di Roma Capitale, Jerico ha risposto ad un avviso pubblico durante il mese di novembre diffuso da Zetema su incarico della Sovrintendenza capitolina e poi finanziato grazie a piccole donazioni in denaro.  

Il murale di Jerico sulle mura del museo di Casal de' Pazzi

Si chiama “Riflessi” l’opera inaugurata nella mattina di giovedì e rappresenta un fiume che scorre lento, alle cui spalle spunta una folta vegetazione e, sullo sfondo, un vulcano che sta eruttando. E poi, riflessi sull'acqua, alcuni mammut a passeggio. Il murale si trova sul muro che si affaccia in via Egidio Galbani, subito prima dell'ingresso del museo e a pochi metri dai celebri murales dell'artista Blu. L'opera ricostruisce in maniera visionaria l'ambientazione naturalistica pre-esistente alla struttura del museo, ai tempi della preistoria.

"Mi è caro il concetto dello scorrere del tempo"

“L'idea di questo murale- ha spiegato l'artista- è nata dalla volontà di rappresentare la vita come era qui, 250.000 anni fa. Ho lavorato 20 giorni. Di questo murale mi è caro il concetto dello scorrere del tempo e della voglia di non distruggere le cose belle che abbiamo”. La sindaca: “Abbiamo presentato un ulteriore arricchimento del Museo di Casal de' Pazzi, un murale dipinto da Jerico, un artista contemporaneo che ha deciso di usare la sua arte per arricchire un museo che contiene cose molto antiche, una bella commistione. Mettiamo a segno un punto che dimostra ancora di più l'attenzione per il quartiere – ha concluso - È un piccolo gesto per dire 'siamo qui con voi”.

Municipio IV: "Sempre più evidente contatto tra museo e territorio"

Sull’inaugurazione e sull’importanza della diffusione culturale anche l’assessore alla cultura del Municipio Roma IV, Stefano Rosati: “Inaugurato un bel murale che rende sempre più evidente il contatto del museo con il territorio. La presenza di tanti bambini della scuola adiacente ne è ulteriore testimonianza. Il museo pleistocene è veramente un valore aggiunto per il municipio 4 e tutta l'amministrazione è grata all'artista e alla direttrice dott. Ssa Gioia per il grande impegno nel portare avanti progetti di spessore vissuti in uno spaccato di un'era in cui vivevano i mammut”.

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

I più letti della settimana

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

  • Incendio in via del Cappellaccio: in fiamme deposito di pneumatici, fumo nero tra Eur e Ostiense

  • A Roma per una visita medica, muore investita da camion. "Stava attraversando le strisce"

  • Incidente a San Giovanni: donna investita e uccisa da un camion

Torna su
RomaToday è in caricamento