TiburtinoToday

Un defibrillatore per l’associazione sportiva Mammut: la raccolta fondi del comitato di quartiere

La cifra necessaria per l'acquisto del defibrillatore ammonta a 1.600 euro

Foto ASD Ponte Mammolo

“Lo sport è una questione di cuore”. È con questo slogan che l’Associazione Sportiva Dilettantistica Ponte Mammolo ha lanciato la raccolta fondi per l’acquisto di un defibrillatore. L’ASD è nata nel marzo di quest’anno dall’esperienza del comitato di quartiere Mammut. Tra gli obiettivi anche quello di migliorare la qualità della vita tra Rebibbia e Ponte Mammolo mettendo in campo una “politica dal basso”, ha anche avviato progetti sportivi all’interno delle due palestre dell’Istituto Comprensivo Palombini, organizzando attività per bambini e giovani a prezzi calmierati e popolari.

Si tratta, pertanto, di una realtà che non gode di finanziamenti pubblici, né privati ma vive grazie ai contributi di coloro che credono nel progetto e frequentano i corsi organizzati. È sulla base di questa filosofia che gli “animatori” del progetto hanno deciso di lanciare un crowfuding per l’acquisto di un defibrillatore. Il macchinario ha un costo pari a 1.600 euro e c’è bisogno dell’aiuto di tutti per raggiungere il risultato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine l’appello: "Per arrivare a questo obiettivo abbiamo bisogno del contributo di tutti. Perciò rivolgiamo un appello a sostenere il nostro crowdfunding, con la sicurezza non si scherza! Se ce serve ‘na mano famo da soli, insieme si partecipa, ma solo uniti si vince! Perché lo sport è una questione di cuore"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, morto a Roma 33enne: è la vittima più giovane nel Lazio

  • Coronavirus, nel Lazio 1728 casi: 17 decessi nelle ultime 24 ore. Tre cluster preoccupano la Regione

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Coronavirus, 2096 casi nel Lazio: 46 nuovi positivi a Roma. Tre cluster fanno impennare il numero dei contagiati

  • Morto a 35 anni di Coronavirus, paura tra i colleghi di Emanuele: il call center chiude, la Regione spiega

  • Coronavirus, a Roma 38 nuovi casi. Nel Lazio 2505 i contagiati totali, oggi la metà dei morti rispetto a ieri

Torna su
RomaToday è in caricamento