TiburtinoToday

Ponte Mammolo, dalla sanificazione degli immobili ai buoni spesa: le richieste del comitato Mammut

Gli attivisti del comitato Mammut hanno consegnato 100 pacchi in due settimane alle famiglie meno abbienti che aspettano il buono spesa del Comune

Il coronavirus non ha risparmiato Ponte Mammolo: da inizio emergenza, sono già due le vittime registrate tra le strade del quartiere. Decessi che hanno lasciato attoniti gli abitanti e il comitato Mammut che a gran voce ha chiesto la sanificazione degli immobili al fine di evitare nuovi contagi. “Abbiamo presentato due richieste – ha detto Alessandro, membro del comitato al nostro giornale – E lo abbiamo fatto sia per le case del Comune di via Palombini, sia per quelle di competenza Ater di via Brizziarelli”.

Negli immobili di competenza Ater, l’ente regionale è intervenuto spiegando come questa tipologia di lavori fosse già in programmazione, per gli immobili di via Palombini, invece ancora nessuna risposta nonostante le richieste siano state inviate il 25 marzo e il 20 aprile. “Chiediamo di sanificare le parti comuni, gli atri, gli ascensori” ha aggiunto Alessandro. 

Il comitato da tempo è impegnato in azioni solidali per fronteggiare l’emergenza scaturita dal Covid-19, la richiesta di sanificazione, infatti, è solo una delle tante azioni che si inserisce in un elenco più lungo. “Abbiamo supportato le famiglie nella compilazione dei buoni spesa che ancora non vengono erogati e stiamo provvedendo da due settimane alla consegna di pacchi con generi alimentari” ha aggiunto Alessandro. In sole due settimane, gli attivisti del comitato Mammut hanno consegnato 100 pacchi e le richieste continuano ad aumentare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Un servizio che possiamo erogare grazie alla raccolta di generi alimentari e attraverso le donazioni in denaro con l'associazione Immensamente Giulia e gli Angeli delle macereie Onlus, una modalità che preferiamo di meno - ha spiegato puntualizzando – C’è una richiesta enorme che neanche avremmo immaginato”. Infine: “La giunta che governa questo municipio si sta dimostrando avulsa dalla realtà, si legge di cifre destinate agli eventi culturali quando intere famiglie non possono fare la spesa, noi continuiamo a metterci a disposizione della gente per non lasciare indietro nessuno, perché andrà tutto bene solo se andrà bene per tutti e per tutte”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento