TiburtinoToday

Pietralata: la squadra di calcio femminile Liberi Nantes cerca nuove giocatrici

Hanno un'età compresa tra i 20 e i 22 anni e provengono per la gran parte dalla Nigeria ma anche da città italiane Bologna

Foto di Liberi Nantes - Valerio Maggio

La squadra di calcio femminile Liberi Nantes cerca altre giocatrici. Il torneo amatoriale di calcio a cinque si è concluso da poco e dopo questa indimenticabile esperienza già si guarda al futuro. “Vogliamo ampliare la squadra e come per lo scorso anno ricerchiamo non solo rifugiate o richiedenti asilo ma anche ragazze italiane per uno dei principi a noi più cari, ovvero l’integrazione”. 

L'allenatrice è un ex giocatrice di serie A

A raccontare successi e sogni della squadra femminile Liberi Nantes è Maria Iole Volpi, l’allenatrice. Un passato da ex giocatrice di serie a e atleta professionista, Maria mette a disposizione e in maniera del tutto gratuita il suo tempo libero per insegnare alle ragazze i tiri in porta e il gioco sul campo. 

Nasce dal progetto "S(up)port Refugees Integration"

La nascita della squadra si inserisce in un progetto di più ampio respiro denominato "S(up)port Refugges Integration". “Quando abbiamo dato avvio all’iniziativa – ha continuato a spiegare Maria – ci siamo recati presso i centri di accoglienza per far conoscere il progetto e abbiamo riscosso un discreto successo riuscendo a mettere in piedi la squadra”. Le ragazze si allenano tutte le settimane a Pietralata, il mercoledì pomeriggio presso il campo di via Marica (già terreno di gioco della squadra maschile Liberi Nantes) e la domenica disputano le partite: “Hanno una gran voglia di giocare” ha confessato l’allenatrice. 

La gran parte delle giocatrici proviene dalla Nigeria

Aisha, Beauty e Barbara, per citarne alcune, hanno tra i 20 e i 22 anni. Alcune di loro provengono dalla Nigeria, altre da città italiane come Bologna, e dopo il primo anno di torneo sono pronte e cariche per tornare in campo e dare il meglio di sé. In bocca al lupo, ragazze!

liberi-nantes-femm-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • O' Principe di Tor Bella Monaca, spaccio h24 e vita in stile Gomorra: così la palazzina è diventata il suo fortino

  • Sciopero Roma Tpl, lunedì 18 novembre a rischio i bus in periferie: orari e fasce di garanzia

  • Tor Bella Monaca, stroncata la piazza di spaccio del Principe: fruttava 200mila euro al mese

  • Pizza Awards Italia 2019, Roma stupisce: ecco le migliori pizze della Capitale (e del Lazio)

  • Sushi "all you can eat" a Roma: 10 ristoranti giapponesi da provare

  • Incidente a Romanina: scontro tra auto, morta una mamma. Grave la figlia

Torna su
RomaToday è in caricamento