TiburtinoToday

Troppi incidenti all'incrocio Meda-Benedetti, i residenti lanciano un appello alle istituzioni

Segnali stradali fatiscenti. Restano inascoltate le petizioni dei residenti

“È un incrocio molto pericoloso, avvengono in media tre incidenti a settimana”. Un grido d’allarme forte quello che proviene da via Filippo Meda all’incrocio con via Benedetti nel quartiere Pietralata. A denunciare la condizione di pericolo i residenti del quartiere che dopo aver presentato numerose petizioni non hanno ancora ottenuto nessun riscontro. 

Segnali stradali fatiscenti

A creare problemi alla circolazione sono i segnali stradali: “La scritta “Stop” disegnata sull’asfalto è ormai scolorita e non è più visibile – ha spiegato una residente – i segnali verticali invece vengono ripetutamente buttati a terra durante gli incidenti che si susseguono lungo la strada”. L’esasperazione nel quartiere cresce di giorno in giorno e la rabbia dei residenti diventa sempre più impotente di fronte all’ennesimo incidente. 

L'appello dei residenti alle istituzioni

“Vorremmo che questo incrocio venisse messo in sicurezza – ha concluso la residente – abbiamo presentato una petizione in cui abbiamo chiesto i dossi ma nulla, non abbiamo ottenuto nulla”. E dinanzi all’ultimo incidente, in ordine temporale, avvenuto nella notte tra lunedì e martedì i residenti lanciano attraverso le pagine del nostro giornale un nuovo appello alle istituzioni: “Mettere in sicurezza questo incrocio”. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Incidente sul Raccordo Anulare: morto giovane agente immobiliare

  • Metro A, nuova fase dei lavori: per 6 giorni stop tra San Giovanni e Ottaviano

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Ferragosto a Roma: gli eventi del 15 agosto per chi rimane o si trova in città

  • Donna trovata morta nei boschi: era a Fiumicino per il matrimonio della figlia

Torna su
RomaToday è in caricamento