TiburtinoToday

Uno striscione a Santa Maria del Soccorso ricorda Stefano Cucchi: “Le periferie non dimenticano”

Lo striscione è stato affisso dai militanti di Potere al Popolo in occasione dell'uscita della pellicola

Nella notte tra mercoledì e giovedì, proprio nelle ore della prima proiezione cinematografica della pellicola “Sulla mia pelle”, è stato affisso uno striscione per ricordare Stefano Cucchi sul ponte della fermata metro Santa Maria del Soccorso. Il film che racconta gli ultimi giorni di vita del giovane ragazzo romano morto durante la detenzione in carcere, ha alimentato il dibattito politico e sociale. Anche i militanti di Potere al Popolo hanno voluto ricordare la morte di Stefano avvenuta nel 2009, ancora in cerca di giustizia

“Stefano era uno degli ultimi”

“Una storia di periferia, sociale e geografica. Stefano era uno degli ultimi, una parte di quel popolo disgregato, arrabbiato, che Rino Gaetano cantava nella sua canzone "Mio fratello è figlio unico". Stefano non era un eroe, era come tanti di noi un cittadino di serie B, uno di quelli che pur essendo nato in Italia non rientra nello slogan #primaglitaliani. Non si tratta di strumentalizzare la sua storia, si tratta di farla nostra. Di fare nostra la rabbia per l'abuso e l'ingiustizia che hanno portato alla morte Stefano Cucchi. Di fare nostra la dignità e il coraggio di Ilaria Cucchi e di tutta la famiglia di Stefano” hanno fatto sapere i militanti di Potere al Popolo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Stefano Cucchi morte di stato, le periferie non dimenticano”

Una scritta: “Stefano Cucchi morte di stato, le periferie non dimenticano” e poi la faccia del Ministro Salvini con gli occhi tappati da due gettoni con il numero 49. “Un ministro dell'interno che sta contro il popolo e difende gli abusi di Polizia va denunciato, smascherato, schifato. Buona visione a chi piangerà davanti allo schermo, a chi si emozionerà, a chi dopo i titoli di coda avrà ancora più voglia di appoggiare la battaglia di Ilaria Cucchi. Potere al popolo, basta abusi!” hanno concluso i militanti di Potere al Popolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, morto a Roma 33enne: è la vittima più giovane nel Lazio

  • Coronavirus, nel Lazio 1728 casi: 17 decessi nelle ultime 24 ore. Tre cluster preoccupano la Regione

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Coronavirus, 2096 casi nel Lazio: 46 nuovi positivi a Roma. Tre cluster fanno impennare il numero dei contagiati

  • Morto a 35 anni di Coronavirus, paura tra i colleghi di Emanuele: il call center chiude, la Regione spiega

  • Coronavirus, a Tor Vergata muore un 35enne: non aveva patologie pregresse

Torna su
RomaToday è in caricamento