TiburtinoToday

Depuratore Colli Aniene, estate tranquilla: la puzza diventa "solo" notturna

I miasmi rilasciati dal Depuratore di Roma Est, che rendevano impossibile la vita dei residenti, sembrano scomparsi. Assegnati comunque i magistrati che seguiranno la vicenda, dopo i due esposti depositati alla Procura a Luglio

“L’estate è passata tranquilla. La puzza non c’è quasi mai stata. Giusto dopo mezzanotte, si presenta la solita puzza ‘canonica’ che dura per una o due ore”. Il problema della puzza sembra quindi notevolmente diminuito. Lo conferma questa dichiarazione di Vincenzo Barsanti, vice presidente del CdQ Colli Aniene.

“I cittadini sono tranquilli, secondo loro il problema è risolto, ma io non mi fido – aggiunge comunque Barsanti – Settembre comporterà un rientro generale che potrebbe far riemergere il problema, in più le nuove case messe in vendita aumenteranno la concentrazione demografica e, proporzionalmente, i  liquami che il depuratore dovrà smaltire”.  Resta comunque in piedi la via legale proposta ed attuata dall’Avvocato Salamone. I due esposti depositati alla Procura a Luglio scorso, dopo una storica e partecipata riunione di quartiere, hanno portato all’assegnazione “di due magistrati alla vicenda. I nomi non posso farli ma qualcosa si sta muovendo” ha detto a proposito Barsanti.

Non ha portato invece i risultati sperati il censimento on-line, proposto dallo stesso Comitato di Quartiere il 20 Luglio scorso. Il sito internet, dove i cittadini potevano iscriversi e segnalare il livello dei miasmi specificando la zona di appartenenza, “non ha avuto successo. Qualche segnalazione ci è arrivata ma il sito è vittima di persone che si iscrivono solo per fare polemica o per ‘divertimento’. Sono stati registrati molti account ‘fake’ e i risultati ottenuti non sono stati all’altezza delle aspettative”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, morto a Roma 33enne: è la vittima più giovane nel Lazio

  • Coronavirus, nel Lazio 1728 casi: 17 decessi nelle ultime 24 ore. Tre cluster preoccupano la Regione

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Coronavirus, 2096 casi nel Lazio: 46 nuovi positivi a Roma. Tre cluster fanno impennare il numero dei contagiati

  • Morto a 35 anni di Coronavirus, paura tra i colleghi di Emanuele: il call center chiude, la Regione spiega

  • Coronavirus, a Tor Vergata muore un 35enne: non aveva patologie pregresse

Torna su
RomaToday è in caricamento