TiburtinoToday

Chiude il centro della Croce Rossa in via del Frantoio, il PD si appella al Campidoglio: "No alla linea Salvini"

La convenzione tra la CRI e il Comune scade il 30 giugno

“Il Comune di Roma il prossimo 30 giugno chiuderà il Presidio Umanitario di via del Frantoio, con lo scadere della convenzione con Croce Rossa di Roma”. E’ la stessa associazione a darne comunicazione attraverso il proprio portale spiegando il contenuto della lettera ricevuta dal Comune, in cui si legge: “sospensione temporanea delle attività al fine di programmare i lavori di manutenzione della struttura per la messa in sicurezza dei locali, più volte anche sollecitati dalla Croce Rossa di Roma, ed avviare le procedure ad evidenza pubblica per l’affidamento della gestione”. 

Il centro accoglie 50 ospiti

Il centro di via del Frantoio che ad oggi ospita 50 persone è stato al centro del dibattito cittadino soprattutto lo scorso anno quando in seguito ad alcuni episodi avvenuti all’interno del quartiere Tiburtino III, i movimenti di estrema destra ne hanno chiesto la chiusura. Mesi “caldi” che hanno portato a “scontri”, consigli straordinari ma soprattutto solidarietà verso il presidio. (QUI LE VICENDE DELL’AUTUNNO CALDO)

L’appello del PD al Campidoglio: "Non ceda alla linea Salvini"

“Nei giorni scorsi ci erano state date rassicurazioni, dal M5S, che si stava lavorando per ampliare il progetto sul quartiere e mantenerlo ancora aperto, apprendiamo invece che il presidio chiuderà senza nessuna sicurezza sulla futura riapertura, l’assessora Baldassarre non lo può permettere” ha commentato Emiliano Sciascia, consigliere dem al Tiburtino. Sull’importanza del centro ha continuato: “È fondamentale per il quartiere, è fondamentale per stabilire una volta per tutte che le istituzioni democratiche non cedono agli attacchi squadristi”. Ricordando la chiusura del centro Sprar in via del Frantoio ha aggiunto: “Continuando di questo passo non ci saranno più luoghi istituzionali nel quartiere di Tiburtino, sempre più abbandonato dal Municipio e dal Comune. Mi appello quindi all’Assessore Baldassarre affinché non ceda anche lei alla linea Salvini”. 

Esulta CasaPound: "Speriamo non riapra"

E mentre il Partito Democratico lancia appelli, gli estremisti di CasaPound esultano: “L'auspicio è che non riapra come centro di accoglienza, altrimenti saremmo punto e a capo – ha commentato Mauro Antonini, responsabile per il Lazio di CP - I cittadini non ne possono più, no a nuovi presidi umanitari, aiutiamo prima i residenti". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus, 2697 casi nel Lazio. A Roma 26 nuovi positivi: "Massima attenzione sul cluster del San Raffaele"

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagi: sono 2710 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 10 nuovi contagi: sono 2754 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma tre nuovi casi. Altri due nel resto del Lazio

  • Coronavirus: a Roma e provincia 7 nuovi contagi. Positiva al Covid19 famiglia proveniente dagli Usa

Torna su
RomaToday è in caricamento