TiburtinoToday

“Infami”: insulti scritti a terra davanti la sede PD a Tiburtino III

Dal circolo: "Occorre un'azione democratica"

È comparsa nella serata di giovedì la scritta “Infami” davanti l’ingresso della sede del Partito Democratico a Tiburtino III, in via Grotta di Gregna. Già in passato il quartiere si è mostrato diviso da un punto di vista politico con una forte presenza di “rossi” e “neri” contrapposti. Una contrapposizione che ha raggiunto il culmine nello scontro del settembre dello scorso anno per la presenza del centro migranti in via del Frantoio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Si respira un clima di intolleranza molto forte, questa città sta andando allo sfacelo e si sa, il degrado porta altro degrado” ha commentato ai nostri taccuini Lucilla Gori, tesoriera PD del Municipio IV. L’insulto non ferma però i militanti dem: “Nel pomeriggio di oggi apriremo la sede e continueremo il tesseramento, occorre un’azione democratica come risposta” ha proseguito Gori. La tesoriera non ha escluso: “Si tratta chiaramente di un atto a sfondo politico”. Intanto in città ci sono stati già altri episodi di intolleranza verso le sedi di partiti politici (sempre PD) anche con azioni più pesanti come atti vandalici, svastiche e scritte neofasciste.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, morto a Roma 33enne: è la vittima più giovane nel Lazio

  • Coronavirus, nel Lazio 1728 casi: 17 decessi nelle ultime 24 ore. Tre cluster preoccupano la Regione

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Coronavirus, 2096 casi nel Lazio: 46 nuovi positivi a Roma. Tre cluster fanno impennare il numero dei contagiati

  • Morto a 35 anni di Coronavirus, paura tra i colleghi di Emanuele: il call center chiude, la Regione spiega

  • Coronavirus, a Tor Vergata muore un 35enne: non aveva patologie pregresse

Torna su
RomaToday è in caricamento